Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/300

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


L'IMPOSTURA COVERZE EL VIZIO.


SONETTO


Mi no vorrìa aver fatto quel, ch'hò fato,
    Voggio dir tanti versi buzarai,
    E averli per Venezia semenai,
    4E ancora posso dir fuora de Stato.

Cos'hoi vanzà? Che son trattà da mato,
    E da un Omo, che sia pien de peccai,
    E vìa de pochi assae spregiudicai,
    8Tutto 'l resto me crede un baronato.

Bisogna donca per muar natura,
    Nè più filosofar sora la Mona,
    11Nè sora i Santi Padri, e la Scrittura.

Co se vuol far una figura bona,
    Mi'l sò, ghe vuol un poca d'impostura,
    14Andar in Culo, e pò dir la corona.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/300&oldid=60779"