Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/301

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


GNENTE VAL A CHI NO HÀ CAZZO DURO.


SONETTO


Cosa serve avvenenza, e cosa 'l brìo,
    Cosa val el bordello, e cosa 'l chiazzo,
    Cosa val esser zoveni, se 'l Cazzo
    4El gavè sempre mai ingrittolìo?

A più prove, ch'hò fatto, m'hò sentìo
    A dirme, che tralassa sto solazzo,
    Che la xe da cogion, da visdecazzo,
    8Creder d'andar avanti, e andar in drìo.

Esser in letto, e no valer un frulo,
    Aver voggia de far, e no aver nervo,
    11Mi ve lasso pensar, se l'entra in Culo.

Zà, che no gò più ben, e zà, ch'osservo,
    Ch'alle Donne ghe servo de trastulo,
    14Resolvo de lassarle, e ghe son servo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/301&oldid=60780"