Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/282

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


TRASMIGRAZION PIACEVOLE ALL'AUTOR.


SONETTO


Co penso al Pittagorico argomento,
    Che da 'na cosa in l'altra passerò,
    E che qual cosa sempre mi sarò,
    4El morir no me dà gnessun tormento;

Perchè pò spero andar in tel formento,
    E fatto in pan in bocca mi anderò
    De qualche Donna, e fuora vegnirò
    8Per el so Culo con mio gran contento;

Spero pò andar in uva, e dopo in vin,
    E bevendome qualche bel musetto
    11Fuora mi vegnirò dal so Monin;

Ma quel, che me puol dar più assae diletto,
    Ch'un dì ridotto in late pegorin
    14Per via d'un servizial vaga in Culetto.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/282&oldid=60773"