Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/278

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


RICORDO PER BEN FOTTERE.


SONETTO


Un arrecordo voggio darve, amici,
    Che per chiavar ste Donne, come và,
    Bisogna, che magnè con sobrietà,
    4E in sto mestier vù sarè più felici.

Mi vardo, che quei poveri infelici
    De Frati, che per star in castità
    El dezun da cogioni hà decretà,
    8Ma i s'hà dà 'na burlada pò coi rici.

I hà credesto, che possa 'l dezunar;
    Quando la carne i stimoli ghe daga,
    11La lussuria del Cazzo moderar.

Ma mi gaverìa dito, che no i staga
    Per remedio la dieta a decretar;
    14Che vuol Cazzo a dezun Potta imbriaga.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/278&oldid=60768"