Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/277

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


DELLO STESSO.


SONETTO


Baffo, ghe xe in Venezia sì, o nò
    Donna fedel al Cavalier servente,
    Se nò, per el mio mal no la val gnente,
    4Se sì, quando la pissa, guarirò.

Sappiè, che mi no sento un campanò,
    Nè ghe sento a parlar gnanca la zente,
    Ognun me scampa, sia amigo, o sia parente,
    8E fin me xe stà dito, in Cul te gò.

Andè per i casini, e la Città,
    Informeve, se ancuò possa 'na Dona
    11I do quarti provar de fedeltà;

Se la trovè, preghela sta colona
    In ste recchie pissar per carità,
    14Che a sta fenice baserò la Mona.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/277&oldid=60767"