Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/279

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


DOPO EL BEN VIEN EL MAL.


SONETTO


Socrate in tempo, ch'i ghe desligava
    Le caene dei so pìe, con gran diletto
    In dove, ch'i lo aveva troppo stretto,
    4Con tutte le do man el se grattava.

Sto discorso in quell'atto lù ghe fava
    Ai so amici, che giera intorno al letto,
    Che pianzeva a veder quel gran soggetto,
    8Che senza colpa a morte se n'andava;

Che no podendo i Dei insieme unir
    El ben al mal, i hà fatto, che 'l confina
    11Tanto, che dopo 'l ben s'hà da patir.

Questa è la nostra condizion meschina,
    Che dopo del sborar convien soffrir
    14Una contristazion, che ne rovina.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/279&oldid=60769"