Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/276

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


D'ANGELO BARBARO.


SONETTO


Baffo, savè, che quando se gà mal
    Ogni cosa se fà per risanar;
    Se tiol pottacchj, se se fà svenar,
    4E se tiol anca in Cul un servizial.

Per sta mia sordità cussì fatal,
    Ch'ogni miedego ha fatto zavariar,
    Un rimedio i m'hà dà, che'l voi provar;
    8Son quà, che ve lo digo tal, e qual.

Che me fazza pissar subitamente
    In tutte do le recchie da 'na Dona,
    11Che no fazza i corni al Cavalier servente.

Baffo, se cognossè sta fedelona,
    Diseghe, che la pissa sta innocente;
    14Ma temo, zà savè cosa xe Mona.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/276&oldid=60766"