Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/273

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SULLO STESSO ARGOMENTO.


SONETTO


La Concorrenza, amici, xe fenìa,
    E come, ch'hò bù 'l primo, ve prometo,
    Che con più gusto assae, con più dileto,
    4Mi me vago a sentar in Quarantia;

Come a chi hà superà la correntìa
    Più grato ghe xe'l Porto, e più quieto,
    Cussì a mi me sarà più predileto
    8Quel liogo dopo tanta traversìa.

Quando in ben xe passada la tempesta,
    Ch'in Cielo no ghè più lampi, ne toni,
    11Più del solito al Sol se ghe fà festa.

Perchè i gusti ne sappia assae più boni,
    L'umana nostra condizion xe questa,
    14Che s'abbia da seccar prima i cogioni.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/273&oldid=60764"