Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/274

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SIMILE.


SONETTO


Amici, la regata xe fenìa,
    E per aver bandiera v'assicuro,
    Che, per quanto hò podesto, hò tegnù duro,
    4Ne hò tanto sfadigà più in vita mìa.

Coi altri regatanti in compagnìa
    Me son messo a vogar, e a far sussuro,
    E averave la testa dà in t'un muro
    8A veder, che gnessun mai in drìo no scìa.

Hò fatto assae; perchè quella mattina,
    Che me tagiasse l'acqua, e fasse strada,
    11Mi no gò bù gnanca 'na ballottina;

Ma zà no gò pensà 'na buzarada,
    Co hò visto, che la barca ben camina;
    Hò dito frà de mi: ghe l'hò ficcada;
                    15E cussì la xe stada;

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/274&oldid=60765"