Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/264

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


CONTRO RISPOSTA.


SONETTO


Come quel, che all'Inferno è condannà
    A patir fame, e ch'un disnar da Rè
    El gà davanti, e per magnar co 'l xè
    4Scampà via tutto, e 'l resta cogionà.

Cussì, quando, che 'l Baffo gh'anderà,
    Che spero in Dìo, che presto 'l vederè,
    Un bel Culo, e una Mona a far gilè
    8Arrente in positura el gaverà;

E co un Cazzo da Frate Francescan
    Pien de lussuria, e pien d'irritamento;
    11El ghe salterà addosso, come un can;

Ma, co 'l sarà per metterghelo drento,
    La Mona, e 'l Culo scamperà lontan,
    14Nè 'l poderà chiavar per so tormento.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/264&oldid=60758"