Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/263

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


RISPOSTA DELL'AUTOR.


SONETTO


Se no me fussi amigo, sior frascon,
    Ve vorrìa sculazzar, come un ragazzo,
    Ma no voggio intrigarme co un buffon,
    4Che parla da ignorante, e visdecazzo.

In cosa pretendeu d'aver rason,
    Che ve descoverzè tanto bravazzo?
    Vegnì in disparte pur, missier poltron,
    8Che ve bastonerò, come un pagiazzo.

In fin sto Maggio no fè più Sonetti,
    Che xe fuora de tempo de raggiar,
    11E abbandonè le colere, e i sospetti;

E no stè più i Stendardi a frequentar,
    Dove per un traeretto, e do confetti
    14Sè solito de farve buzarar.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/263&oldid=60757"