Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/262

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SIMILE.


SONETTO


Quando, che quella tisica indiscreta
    Anderà a far al Baffo el complimento,
    Pregandolo, che 'l voggia esser contento,
    4Ch'al Diavolo la 'l manda per staffeta.

Sti pochi versi, che dal cuor me deta
    L'amicizia, e l'amor, che per lù sento,
    Incider ghe farò sul monumento
    8Per onorar l'altissimo poeta.

Quà stà sepolto, o passagger cortese,
    Uno, ch'hà renegà nostro Signor
    11Per el bus della merda, e del marchese.

Cari ragazzi, e Donne de bon cuor
    Vegnì a sborar del sasso per le sfese;
    14Chi sà, che nol ressuscita all'odor?

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/262&oldid=60756"