Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/261

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


CONTRO RISPOSTA.


SONETTO


Mi no son un cogion, sior Baffo caro,
    Ch'i cogioni no scrive, come mì,
    A ponzer no me stè, che me sentì,
    4E ve farò, per Dìo, spuar amaro.

Sappielo, che del tempo son avaro,
    Nè costumo de perderlo cussì,
    Che se volessi più de diese al dì
    8Farìa de sti sonetti, e no la sbaro;

Ma essendo mi un cogion, come disè,
    Co quei vostri strambotti buzaroni
    11D'esser un visdecazzo confessè.

V'arrango 'l posto trà i visdecazzoni,
    Ch'a decider del Cazzo no ghe xè
    14Un Giudice più proprio dei cogioni.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/261&oldid=60755"