Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/260

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


RISPOSTA DELL'AUTOR.


SONETTO


Erostrato per farse nominar
    De Diana 'l tempio in Efeso hà brusà,
    E cussì co sta azion lù gà stimà,
    4Che 'l so nome 'l se gabbia a immortalar;

Cussì per farse al Mondo celebrar
    Un poetastro el Baffo hà profanà,
    E co sta bella forma 'l s'hà sognà
    8La so fama se gabbi a immortalar.

Cussì Erostrato, dopo aver fatto
    Quella cogionarìa co sta rason,
    11S'hà immortalà, ma immortalà da matto.
    
Cussì el poetastro, dopo quell'azion
    De scriver quel Sonetto cussì fatto,
    14Sarà immortal, ma un immortal cogion.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/260&oldid=60754"