Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/256

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Pago solo de mi stesso,
    Senza aver gnessun appresso,
    Con mì parlo, e me respondo,
    16Nè a risponder me confondo.

Digo quello, che gò in petto,
    Nè gnessun me fà più objetto;
    Mi no temo in sta maniera
    20No esser visto volintiera,

Che de mi gnessun se stuffa,
    Nè de far qualche baruffa,
    Come chi da qualche spiaggia
    24Vede in Mar una Battaggia,

Se rallegra là in quell'ora
    A pensar, che lù xe fuora,
    Cussì mì, che son quà solo,
    28Me la godo, e me consolo;

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/256&oldid=64696"