Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/255

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


ABBRAZZA LA SOLITUDINE.


CANZONE


Mio Perini, se vedè,
    Che no vegno più al Caffè,
    No credè, che sia malà,
    4O sia fuora de Città.

Come gnente più me piase,
    Stago a casa in santa pase,
    Le botteghe, e la Comedia,
    8E anca l'Opera m'attedia.

Mi no trovo cosa bona
    Quanto, che la mia poltrona;
    Là soddisfo el genio mio,
    12E me par d'esser un Dìo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/255&oldid=60751"