Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/257

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Poder dir, fuora me chiamo,
    E de più gnente mi bramo;
    Ghe sarave quella Dea,
    32Che savè, che me recrea;

Se podesse star con ela,
    Tornarìa spiegar la vela,
    Tornarìa a rischiar al vento,
    36El mio vecchio Bastimento.

In sto amor, che me dà pena,
    La sarìa la mia sirena;
    Se sta Donna se trovava,
    40Quando Giove se cangiava

Ora in Aquila, ora in Toro,
    Ora in Cigno, e piova d'Oro,
    L'averìa lassà per quella,
    44Son seguro, ogn'altra bella.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/257&oldid=64697"