Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/250

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


L'AUTOR AL PROPRIO CAZZO.


SONETTO


Vìa, fenìla, sier Cazzo: abbiè giudizio,
    No fè, che 'l Mondo più ve diga mato,
    Zà la vedè anca vù, che no sè in stato
    4De seguitar quel maledetto vizio.

Abbiè tutte le Donne in quel servizio,
    Lassele andar; perchè cussì de fato
    Sparagnerò anca mi qualche ducato,
    8E vù starè lontan dal precipizio.

Sto no voler pò alfin mai tralassar,
    La xe 'na leze troppo buzarona,
    11Che vù abbiè 'l gusto, e mi abbia da pagar.

Sìa belle, o brutte le volè impirar,
    E no vardè, quando sè drento in Mona,
    Che qualcuna se possa anca ingraviar,
                    15Dove podè incontrar

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/250&oldid=60749"