Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/251

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



De quelle, che pretende far zornada,
    E dir, ch'altri, che vù l'avè chiavada,
                    18S'anca la fusse stada

E fottua, e refottua da tutto'l Mondo;
    E 'l danno sarìa mio, mi ve respondo.
                    21In summa pensè al fondo,

No fè, che più ve fazza correzion,
    E 'l recordo mettè in esecuzion;
                    24Che, se sta bon'azion

Vù me farè, mi posso anca donarve
    Un premio, che xe bon da contentarve,
                    27Cioè co 'na man menarve,

E darve quel piaser, che vù bramè,
    Acciò, che siè contento, e che sborè,
                    30Perchè pò no disè,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/251&oldid=64694"