Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/249

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


PER L'IMPOTENZA DEL SO CAZZO.


SONETTO


Compare el mio Cotal me l'hà ficada;
    Mel tagiarave vìa dalla gran stizza,
    Volendo tacconar una novizza,
    4Molo el me xe restà, co è 'na panada.

Vardè, che Cazzo bestia buzarada,
    Lassarme vegnir vìa co quella pizza|
    E la putta stizzada, come una chizza,
    8Sugandose la panza impacchiugada;

Disea; Becco fottù, Cazzo baron,
    Visdecazzo, ammalà, Cazzo da mulo;
    11Ti hà fatto torto al muso del paron.

D'un Cazzo, ch'ai so zorni hà fatto 'l bulo,
    Donne care moveve a compassion,
    14Caso, che nò, pettevelo sul Culo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/249&oldid=60747"