Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/25

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SORA LUGREZIA ROMANA.


SONETTO


Me domandè cosa doveva far
    Là con Tarquinio quella Donna sola?
    Respondo; la dovea farse chiavar
    4A prima vista senza dir parola.

Se 'l Cazzo deventasse 'na pistola
    L'averìa ben rason de strepitar,
    Ma 'l Cazzo l'è un remedio salutar,
    8Che conforta ogni Donna, e la consola.

Putte, sentì, no fè, come sta matta,
    Che s'hà mazzà per no aver bù cervello,
    11Mollè, se 'l caso fà, ch'i ve la batta;

No morì mai per ponta de un cortello,
    Anzi, quando la cosa sia ben fatta,
    Feve mazzar con quella dell'Osello,
                        15Che no i dirà più quello,

Ch'i suol dir de Lugrezia la Romana,
    Che per salvar l'onor morì puttana.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/25&oldid=60748"