Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/26

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LA PREDICA STIMOLA A PIÙ FOTTER.


SONETTO


Dai pulpiti se sente una gran ose
    A predicar, che tutti hà da morir,
    Che, chi hà bù prencipio, hà da fenir,
    4Che bisogna, che mora ancora 'l Dose,

Che i Papi, i Re gà da portar la crose,
    E in polvere i se gà da convertir,
    Che gnessun sà, co l'abbia da vegnir,
    8Ch'ognun pensi a disponer delle cose.

I predica la morte sti Fratoni,
    Perchè s'abbia le Donne da lassar,
    11Ma, s'i crede sta cosa, i xe cogioni;

Ch'anzi, perchè la morte hà d'arrivar,
    E che la suol vegnir, come i ladroni,
    14Giusto per questo voggio più chiavar.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/26&oldid=60753"