Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/24

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


RISPOSTA, E DEFINIZIONE.


SONETTO


Baffo ti, che ti è un Omo de gran testa,
    E che con la Scrittura a menadeo
    Ti hà criticà con grazia quel Giudeo,
    4Che per salvar l'onor perso hà la vesta.

Quando, per liberar Bettulia mesta
    Al Campo Assiro dal pressidio Ebreo,
    A far tirar l'Osello a quel marmeo
    8Xe andà Giuditta in Andrien da festa;

Dimme, se prima de sfodrar la spada
    L'abbia pensà da savia, o da cogiona
    11A no lassarse dar una chiavada?

Per conto mio, se giera in quella Dona;
    Mi fava do servizi in t'una strada,
    14E per Dìo santo lo tioleva in Mona.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/24&oldid=60737"