Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/248

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


PER UN DOSE ANDÀ IN MALORA.


SONETTO


Zonti del fiume Lete in sulla sponda
    Do gran soggetti, un Cavalier, e un Dose,
    Un pien de bezzi, l'altro pien de nose,
    4Un colla testa quadra, e l'altro tonda.

Quel, ch'aveva 'na mente alta, e proffonda,
    Come, ch'avanti l'hà portà la Crose,
    El chiamava Caronte ad alta vose,
    8Nè s'hà trovà gnessun, che ghe risponda.

Xe vegnù 'l Cavalier; Caronte allora
    Subito xe arrivà col battelletto,
    11E interrogà, perchè l'è stà fin'ora;

No son vegnù, l'hà dito netto, e schietto,
    Perchè savea, che 'l Dose xe in malora,
    14Che nol gaveva da passar traghetto.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/248&oldid=60746"