Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/244

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


PER LA MEDESIMA.


SONETTO


Giera là in quiete, e più no ghe pensava
    De far l'amor, o far altro bordelo,
    M'avevo messo in buccole l'Oselo,
    4E gnanca de più averlo no contava;

De lassar tutte zà me preparava
    Le cose della Terra per el Cielo,
    E per dar al mio corpo sto flagelo
    8Voleva andar d'un Frate della Fava;

Quando ho visto Cornelia, in quei momenti
    Se m'hà rebaltà subito la testa,
    11E hò rotto tutti i me proponimenti;

Le buccole hò desfatto zò alla presta,
    E per tornar ai me divertimenti
    14El Cazzo m'hò vestì tutto da festa.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/244&oldid=60742"