Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/243

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


PER LA MEDESIMA.


SONETTO


Dove missier Cupido avè trovà
    Quel viso benedìo da tutti i Santi?
    Almanco me l'avessi trovà avanti,
    4Che l'averìa servìo come, che và;

Ma adesso, che son tutto retirà,
    Ch'hò risseccà i negozj tutti quanti,
    A cussì bella Venere davanti
    8No posso se nò starghe inzenocchià.

In tempo, che gaveva altr'in la testa,
    Che stava da mia posta in t'un canton,
    11M'avè dà a tradimento drìo la schena;

No podevi trovar altra, che questa?
    Son quà, zà mi me rendo a discrezion.
    14Cosa voleu da mi? Che ghe la mena?

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/243&oldid=60741"