Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/241

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


AL MEDESIMO.


SONETTO


D'Eurisbe col favor vù sì, ch'in cima,
    Frugoni, sè arrivà del gran Parnaso,
    La v'hà svodà delle so grazie 'l vaso,
    4Per questo el vostro stil tanto se stima.

Se, come vù, l'avesse vista in prima,
    Chi sà no fusse d'un bell'estro invaso?
    Ma, come mai mi no gò dà del naso,
    8No se conta per gnente la mia rima.

Ancuò la sorte gò de starghe arrente,
    Ma che val, se per far qualche schiamazzo,
    11Per mi no ghe xe più gnessun movente!

La me move, xe vero, el cuor, el brazzo,
    Ma mi ste cose no le stimo gnente,
    14Stimarìa ben la me movesse 'l Cazzo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/241&oldid=60739"