Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/240

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


AL MEDESIMO.


SONETTO


Vedarè 'l mio ritratto, o gran Frugoni;
    A un Omo rifflettè, che più d'un ora
    No puol star co 'na Donna, se nol sbora,
    4Se un Pittor gaverà seccà i cogioni.

Sappiè, ch'hò bù di assedj buzaroni
    Da tanti amici, e tante Donne ancora,
    Ma la magia d'Eurisbe, ch'innamora,
    8Hà superà quei altri gran Strigoni.

Per star con ella, e con Comante arrente,
    Me son lassà far zò, come 'na Dona,
    11Quando la xe visina al so servente.

D'aver bù sta pacienza buzarona
    Argomentè, se in mi xe più potente
    14Della poesìa la forza della Mona.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/240&oldid=60738"