Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/232

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


TRADUZION DELL'AUTOR.


SONETTO


Chi hà strapazzà sto letto, e chi la testa
    T'hà sgrendena cussì? Che maledette
    Man buzarone t'hà palpà le tette?
    4Chi t'hà dà de basazzi una tempesta?

Varda, Amor, con che cuor la disonesta
    Nega d'aver tirà sù le carpette,
    Ma mi farò le toe, le mie vendette,
    8E a sto gallozzo tagierò la cresta.

Ma sentila a negar pronta i so fali,
    E no la sà sta gran buzaradona,
    11Che parla dei so occhj i caramali.

Via, descoverzi, Amor, sta indegna Dona,
    Zà le macchie del sugo dei Cotali
    14Fà ben veder, che la l'hà tiolto in Mona.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/232&oldid=60729"