Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/233

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SIMILE.


SONETTO


Chi è stà colù, che hà strapazzà quel letto?
    Buzarona! e chi i cavei t'hà spertucchià?
    Chi è stà colù, ch'hà quel caviel suzzà,
    4E hà morsegà quel lavro maledetto?

Amor, che tutto 'l fatto, netto, e schietto,
    Sibben, che ti xe orbo, ti hà lamà,
    Osserva con che fronte sputtanà
    8La nega d'aver fatto sto bruetto!

Senti con che franchezza la se scusa;
    Eppur sotto quei occhj quelle tacche
    11Mostra ben quel, ch'hà fatto sta barona.

Scoverzi 'l letto, varda là la busa,
    Varda i ninzioi co pieni de pattacche;
    14E no hò da dir, che ti l'hà tiolto in Mona?

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/233&oldid=60730"