Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/22

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


NO SE DEVE BADAR ALL'IMPOSTURA.


SONETTO


Podemo ben ruzar quanto volemo
    De sta nostra infelice condizion,
    Dei mali de sto Mondo buzaron,
    4Ch'alla passion bisogna, che ghe stemo.

Tutti sotto sta leze nù nascemo,
    Tanto nasce 'l pittocco, che 'l riccon,
    No và esente'l virtuoso, nè 'l cogion,
    8Ma l'hà d'andar cussì, finchè vivemo.

No me lagno del mal della Natura,
    Se far de meggio no la gà podesto,
    11Me diol del mal, ch'hà fatto l'impostura;

Ma 'l Filosofo vero anca in questo
    S'hà d'acquietar, e con disinvoltura
    14Andar in Mona, e aver in Culo 'l resto.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/22&oldid=60725"