Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/21

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


DOCUMENTO CONTRO LA GENERAZIONE.


SONETTO


Cosa me fà peccà la spezie umana
    In mezzo de sto Mondo pien de guai,
    Me par, che siemo tanti desperai,
    4O Zente, che no gà la mente sana;

Per una cosa, o l'altra se se affana,
    E se ghè gusti, i dise, ch'i è peccai,
    Che per quei se và al fuogo condannai
    8Per no fenir mai più la so condana.

Fenimola sta razza desgraziada,
    E chi xe per vegnir, ch'i torna indrìo,
    11Nè i vegna a far sta vita buzarada.

Cogionemo sto Diavolo, per Dìo;
    E saveu quala xe l'unica strada,
    14Fotter in Mona, e pò sborar da drìo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/21&oldid=60714"