Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/217

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SULLO STESSO ARGOMENTO.


SONETTO


Dov'è quella Città cussì brillante,
    Che risplendeva, come fà una Stella?
    Ancuò me par, che no la sia più quella,
    4E sia oscurà 'l so lume in t'un istante.

Le Donne xe bandide tutte quante,
    E le giera 'na cosa molto bella,
    Vederle andar tutte in la so cella
    8Schierae in le botteghe col so amante.

Fà compassion quei grami caffettieri,
    Che tutto 'l so negozio xe fallìo,
    11E no i sà, come far altri mestieri;

Ma ch'i ringrazia pur Domenedìo,
    Che finalmente ai so Cavalieri
    14Ghe xe permesso ancuò l'andar da drìo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/217&oldid=60722"