Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/216

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


PER ESSER PROIBIO I CASINI ALLE DONNE.


SONETTO


Cos'hà da far ste nostre Donne adesso,
    Che no le puol sentarse più per strada,
    Cosa, che fin ai cani ghè permesso;
    4E a qualunque canagia buzarada?

In t'i casini ghè negà l'ingresso,
    E la porta per elle xe serrada,
    In le botteghe no ghe xe più accesso,
    8Che la so nobiltà sarìa sporcada.

Come hale da passar tutte le sere?
    A Casa nò, ch'ormai xe troppo tardi,
    11No stà più a Casa gnanca le massere.

Dove mai puorle andar senza riguardi?
    A parlar schietto con le mie maniere,
    14Mi no ghe vedo altro, che i Stendardi.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/216&oldid=60721"