Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/213

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


IN PUBLICO NO SE COMMETTE DELITTI.


SONETTO


Una volta se dise no le andava
    La notte in piazza a spassizzar le Dame,
    Ma, che mali fale mai povere grame?
    4Infin; che se camina, no se chiava.

Colle puttane no le se misciava,
    Ch'una volta la giera cosa infame;
    Ma una volta s'ordiva anca più trame,
    8E una volta più forte se sborava.

Quando publico xe 'l divertimento,
    No ghè mai certo mal, a mi credelo,
    11De quel vardeve, che se fà de drento.

El più, che nascer possa in sto bordelo,
    E no xe cussì facile el momento,
    14Qualche menada se puol dar d'Oselo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/213&oldid=60718"