Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/212

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SORA LE MANGERIE DE CERTI MINISTRI.


SONETTO


Se pensa a riformar solo 'l privato,
    Nè del Publico al ben se pensa un'ora;
    Quasi che la salute de sto Stato
    4Patissa per qualcun, che và in malora.

Mi che son cittadin, sebben privato,
    Nè, ch'alcun Magistrato 'l Cul m'onora,
    Un recordo mi dar voggio al Senato,
    8Quando con un Decreto el l'avvalora.

Alle barche pensè, pensè ai ferali,
    Al vestir negro, ai schietti fornimenti
    11De far parer le Donne funerali!

Far bisogna al massizzo i fondamenti;
    Co dè cariche a certi tali, e quali,
    14Serenità feghe cavar i denti;

                    Ma, per Dìo, steghe attenti
Co le zenzive hà fatto 'l sora osso,
    17Ch'anca cussì se magna a più no posso.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/212&oldid=60717"