Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/20

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


L'OMO CORROMPE I BENI DELLA NATURA.


SONETTO


Gran bestia, che xe l'Omo! lù defforma
    Tutto quel, che de ben fà la Natura,
    Ella una cosa fà semplice, e pura,
    4E lù colle so man el la trasforma.

Nol lassa gnanca, che le bestie dorma,
    I so schiavi 'l li castra, e 'l li sfigura,
    E a forza de gran stenti, e de coltura
    8El vuol, ch'un clima all'altro s'uniforma.

De quel, ch'in summa ghè de natural,
    Lù no vuol gnente a segno, che 'l se fà
    11De se stesso nemigo capital.

Vardè, se l'ama la defformità,
    Che fin ghè vegnù in testa per so mal
    14De dir, ch'andar in Mona xe peccà.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/20&oldid=60707"