Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/19

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


PARALELLO TRÀ L'OMO, E L'ANEMALE.


SONETTO


L'Omo se stima assae generalmente
    Per causa del so lume de rason,
    E mi giusto per questo da cogion,
    4A dir el vero, no lo stimo gnente.

Le bestie stimo più infinitamente,
    Che, se no le gà tanta cognizion,
    No le gà gnanca tante gran passion,
    8E le vive de nù più quietamente.

Per una cosa sola no vorrìa
    Esser un Anemal, ma per i tanti
    11Altri beni, ch'i gà, me scambierìa;

E la xe questa; perchè tutti quanti
    Fuora de tempo mai no i chiaverìa,
    14E perchè no i sà nome andar davanti.