Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/197

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SORA I ZIOGADORI DA LOTTO.


SONETTO


Quanti stolidi mai, ch'i s'hà ridotto
    A magnar ogni dì sol la polenta,
    Patir cento miserie, ch'i tormenta
    4Per ziogar ogni zorno i bezzi al lotto!

Eppur i và sul botteghin de trotto
    S'una cabala, o un sogno li fomenta,
    Superstizion, che dà l'ultima spenta,
    8E li manda alla fin presto de sotto.

Oh! Matti buzarai, senza governo,
    Quand'aspetteu, che vegna i ponti boni?
    11Gnanca, mi credo, se zioghè in eterno;

Solo quando cerchè per i bragoni,
    Se ghè più bezzi, incontrerè nel terno,
    14Che sarà 'l vostro Cazzo, e do cogioni.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/197&oldid=60704"