Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/198

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


PER LA MORTE DEL N. H. EMO.1


SONETTO


Oh Dìo, xe morto l'Emo! Oh Dìo, che testa,
    Ch'hà perso la Città, ch'hà perso 'l Stato!
    El Colleggio lo sà, lo sà 'l Senato,
    4Che perdita alla Patria la sia questa.

Ma zitto, che gà messo sù la vesta
    Per consolar el Publico, e 'l privato,
    El Querini in quel gran Magistrato,
    8E i so parenti intorno ghe fà festa.

Da Savio sù l'hà messa 'l Barbarigo;
    Do Omeni i xe questi bei, e boni,
    11Capaci de sbrigar qualunque intrigo.

No se puol dir no i sia do soggettoni,
    Ma mi per altro con costanza digo,
    14Che dell'Emo no i xe, se nò i cogioni.

  1. Giovanni Emo (1670 - 1760), Dizionario Biografico degli Italiani
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/198&oldid=60705"