Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/193

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SULLA MOLLEZZA DEI VENEZIANI.


SONETTO


Estinguendo se và tanti ricconi,
    E cresce sempre più la povertà,
    Le gran teste mancando se ne và,
    4E no resta de quà, se nò i cogioni.

Se de quei tanti gran politiconi,
    Qualche residuo ancora xe restà,
    I cogioni xe in tanta quantità,
    8Ch'i supera quei pochi, che xe boni.

No se pensa, ch'all'ozio, al lusso, al ziogo,
    E i libri, che se studia sulla sera,
    11Xe'l mazzo delle carte, o quel del Cuogo.

Debotto no ghè più zente da guera,
    E, se ghe n'è, questi no hà visto 'l fuogo,
    14Come puorla durar in sta maniera?

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/193&oldid=60700"