Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/191

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


A UN AMIGO IN TRIBUNAL.


SONETTO


Adesso, che vù sè in quel Tribunal,
    Dove, che me podè far processar,
    No son cussì cogion, che più parlar
    4Voggia con vù de Mona, e de Cotal;

No vorrìa, che co sè in Pontifical,
    Me facessi alla Bussola chiamar,
    Che me farìa sta buzara pensar
    8Più assae d'una scomunica Papal.

Nò, nò, no voi travagi, da quà avanti
    Ve dirò, che mi digo la corona,
    11E che fazzo la vita, che fà i Santi;

Che se pò qualche razza buzarona
    Me dasse 'na querela là davanti,
    14Sappiè, che mi no vago altro, ch'in Mona.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/191&oldid=60698"