Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/190

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


PER EL MEDESIMO.


SONETTO


Mo xela longa sta cogionerìa!
    Quand'è, che sortirò de sta preson?
    Sempre dovrò star quà, com'un cogion,
    4Senza una Mona aver in compagnìa?

Ah! Cazzo, questa pò crudel sarìa,
    L'Osello mio veder in t'un canton
    Fremer, e delirar, co fà un Lion,
    8Per no poder chiavar chi mi vorrìa!

A cosa serve mai un caenazzo,
    Co no se puol aver la serraura?
    11Cussì mi senza Mona, e aver el Cazzo.

Questa è per mi 'na pena troppo dura,
    E senza Mona mi me meno 'l Cazzo,
    14Cussì mantegno i sorzi a sboraura.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/190&oldid=60697"