Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/189

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


PER LA PRIGIONIA DEL N. H. MARCELLO.


SONETTO


Co mi penso a quel povero Marcello,
    Che xe là, come un can, in t'un casotto,
    Dalla paura mi me cago sotto
    4A figurarme, se mi fusse in ello.

No se vede a vegnir, ch'un Barisello,
    Ch'appena dì ve porta 'l magnar cotto,
    E infin al zorno dopo in quel gabbiotto
    8No se vede tornar altro, che quello.

Là lume no ghe xe, nè mai ghe fuogo
    Per quanto longa, e larga sia la notte,
    11E i sorzi ve fà intorno un brutto ziogo.

No se sente, che strepiti, e che botte;
    Ma 'l più fiero, e terribil de quel liogo,
    14El xe quello, che là mai no se fotte.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/189&oldid=60695"