Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/188

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


PER LA LIBERAZIONE DEL MEDESIMO.


SONETTO


Come, se dopo una gran longa piova
    Vien fuora 'l Sol a rischiarar el Cielo,
    De quel, che 'l giera, el par assae più belo,
    4E par, che più 'l ne piasa, e più 'l ne giova;

Cussì al Querini dopo una gran prova
    De la so sofferenza in t'un Castelo
    El par, che con un spirito novelo
    8Cosse più belle, e niove, ancuò 'l ne muova;

Ma come chi xe in porto più no sente
    La gran paura, ch'hà sofferto in Mar,
    11Vede quel, che xe stà, nè vuol dir gnente;

Cussì lù del passà nol vuol parlar,
    E 'l manda anca i so amici quietamente,
    14S'i ghe ne parla a farse buzarar.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/188&oldid=60694"