Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/162

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


RICCORSO A VENERE.


SONETTO


Venere, a vù riccorro, a vù, che sè
    Dea dei amanti piena de clemenza,
    Quel vostro fìo m'hà fatto 'na sentenza,
    4Che mi son desperà, se la laudè.

Sentì quel, che l'hà dito, e giudichè;
    Che per chiavar ghe vuol bezzi, e pazienza;
    Se d'una cosa, o l'altra mi son senza,
    8Che staga a muso secco no vorrè;

Da vù domando tagio, e remission;
    Chi sà, che Amor tornando a giudicar
    11De mi no l'abbia qualche compassion?

Dovè sta leze in massima tagiar,
    Che, se vive lassè ste condizion,
    Xe molto pochi quei, che puol chiavar;
                    14E 'l Mondo puol mancar,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/162&oldid=60682"