Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/163

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Che, se no chiava nome chi hà tesori,
    A pochi se reduse i fottidori.
                    18Oh Regina de' Cuori!

Vù vedè ben col vostro alto intelleto
    Più, che mi assae 'l mal de sto Decreto,
                    21Per questo l'hò interdeto

In tutte le so parti, come 'l stà,
    E quei, che gà interesse mi hò cità;
                    24Vedeli tutti quà,

Se no i fà compassion; tutti se lagna,
    Che siben ghè de Donne una cuccagna
                    27Lori però no magna,

E poverazzi i fà mille mattezzi,
    E quando, ch'i ga voggia, no i gà bezzi;
                    30El Cazzo ghe và in pezzi,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/163&oldid=64663"