Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/161

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


DOMANDO EL TAGIO DELLA SENTENZA.


SONETTO


Sier Cupido avè fatto un bel giudizio,
    No saveu, che son quasi sempre al giazzo,
    E che adesso no son più quel ragazzo,
    4Che me possa menar più quel servizio.

Questo è un voler, che vaga in precipizio
    Quando, che in tutto hò da eseguir sto Spazzo;
    El gà do condizion, che a mi, gramazzo,
    8Me fà perder la causa, e anca 'l giudizio.

Vorrìa, che in parte almanco vù tagiessi
    Sta sentenza, che tanto me fà mal,
    11Se nò mi tegnirò pò un'altra strada.

Se ex Officio tagiarla no volessi,
    Vardè, che mi, no ve n'abbiè per mal,
    14M'appello a vostra Mare buzarada.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/161&oldid=60681"