Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/160

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LAMENTI DELL'AUTOR CONTRO CUPIDO.


SONETTO


Amor dopo, che tanto t'hò servìo,
    Che t'hò fatto da Zane, e Burattin,
    E per ti deventà son un meschin,
    4Ti me tratti cussì, petto de Dìo!

I dise tutti quanti, che ti è un Dìo,
    La buzara ti xe, ti xe un sassin;
    Per mi cosa astu fatto de divin?
    8Sò ben, che ti xe un can, che m'hà tradìo.

Spero, ch'i me lamenti vaga in Cielo,
    Che Venere co ti tutta stizzada
    11Me voggia vendicar con del to pelo,

Che cattandote un zorno per la strada,
    O in qualche casa in forma de puttelo
    14Mi te daga una bona buzarada.