Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/159

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SENTENZA DE CUPIDO.


SONETTO


Un dì, ch'in trono Amor giera sentà
    Per dar udienza a tutti i innamorai,
    Anca mi co quei altri desperai
    4A far i me lamenti son andà!

Ve digo ben, che co m'hò visto là,
    E che a far hò sentìo quel tannanai,
    Hò dito; Mi no credo, che i dannai
    8Fazza 'l sussuro, che se sente quà.

Tutti diseva mal della so Dona,
    Chi la giera una cagna, e chi una matta,
    11Mi hò dito, che la xe una buzarona.

Aifin Amor in fazza a ogni persona
    Hà pronunzià una leze de sta fatta.
    14Pazienza, e bezzi, tutti anderè in Mona.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/159&oldid=60679"